Tecniche Di Base Per Un’adeguata Cura Delle Ferite

Le ferite sono un ottimo passaggio per i microrganismi nel nostro corpo. È per questo motivo che è importante sapere come pulirli e curarli per evitare complicazioni.

Le ferite sono, nella maggior parte dei casi, lesioni che si verificano all’esterno del corpo. Si possono anche definire come un’alterazione della continuità della pelle dovuta ad un fattore esterno. A seconda del tipo di ferita, il personale medico può decidere di favorirne o meno la guarigione. L’uso di suture per chiudere una ferita è una delle tecniche più utilizzate oggi. Esistono diversi tipi di suture e il medico competente sceglierà il metodo più adatto a seconda della lesione del paziente.

Classificazione delle ferite

ferita non rimarginata

Una delle caratteristiche da verificare è quella relativa alla pulizia della ferita. Una lesione pulita è recente e non è né contaminata né infetta. Una ferita sporca, d’altra parte, può essere più vecchia, avere tessuto più lacerato e sembrare alterata o contenere un corpo estraneo.

Un altro modo per classificare la lesione è determinare l’agente causale o la causa della lesione (fuoco, arma da fuoco, ecc.). Può anche essere differenziato e classificato in base al suo aspetto, se colpisce altri elementi oltre alla pelle, ecc.

Fasi di guarigione delle ferite

Le ferite generalmente passano attraverso un processo di ricostituzione o guarigione che include i seguenti passaggi:

  • Fase infiammatoria:  detta anche reazione infiammatoria, compare pochi giorni dopo la creazione della ferita. I vasi sanguigni si dilatano e la permeabilità vascolare aumenta durante questa fase. Il fluido sieroso viene così filtrato ei leucociti formano uno strato protettivo (crosta).
  • Fase proliferativa: detta anche fase rigenerativa o fase di granulazione. Inizia 3 giorni dopo l’infortunio e termina da 1 a 2 settimane dopo. Inizia una produzione di collagene per sostituire quello perso e si ripristinano i vasi linfatici e sanguigni.
  • Fase di maturazione: questa è talvolta chiamata fase di rimodellamento della lesione. Inizia poche settimane dopo aver subito la lesione fisica e può finire per diversi anni dopo. La cicatrice si riduce in profondità e dimensioni durante questo periodo. Infine, la pelle del paziente mostrerà scolorimento nel punto in cui si è verificata la lesione.

Come tratti una ferita?

tecniche di cura delle ferite

Il personale qualificato dovrebbe, in ogni caso, seguire una procedura generale per il trattamento della lesione. È suo dovere stabilire le priorità in caso di incidente o emergenza che coinvolgono altri problemi medici.

In primo luogo, il paziente deve essere anestetizzato per ridurre il disagio causato dalla chiusura della ferita. L’anestesia può essere applicata localmente o immobilizzare completamente la persona a seconda della gravità della lesione. Per fare ciò, l’anestesista inietta uno o più prodotti come la lidocaina.

Il praticante quindi estrae con cura e delicatezza qualsiasi corpo estraneo che potrebbe essere presente nella ferita. Per questo viene utilizzato lo strumento più adatto e sterilizzato. Successivamente viene applicata un’abbondante quantità di soluzione fisiologica sulla superficie della ferita per disinfettarla adeguatamente.

Le diverse tecniche di sutura

Se lo ritiene necessario, il medico prosegue effettuando una sutura per unire i tessuti distaccati a seguito dell’incidente fisico. A seconda della lesione riscontrata, il medico qualificato decide il tipo di sutura più appropriato :

  • Il punto di approssimazione: consiste in un insieme di strisce adesive che tengono vicini i bordi della ferita. In genere si staccano naturalmente dopo pochi giorni dalla posa, soprattutto se bagnati.
  • Graffette:  si tratta di piccoli fili metallici simili a punti metallici che tengono saldamente insieme i bordi della ferita per promuovere la guarigione e la rigenerazione del tessuto corporeo.
  • Suture per mezzo di fili: un professionista può utilizzare un’ampia varietà di nodi e tipi di filo a seconda del tessuto da suturare e della forma della ferita. In questa configurazione, viene utilizzato un ago per cucire l’intera lunghezza della ferita.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button