Qual è La Differenza Tra Prebiotici E Probiotici?

La differenza tra prebiotici e probiotici è capire che i due hanno un’azione diversa ma complementare. Vediamo nel dettaglio a cosa serve ciascuno di essi e dove possiamo trovarli.

Sebbene entrambi siano benefici per la salute, la differenza tra prebiotici e probiotici risiede sostanzialmente nella loro funzione e dove possiamo trovarli. Questa volta, vogliamo discutere questo problema in dettaglio, perché alcune persone tendono a confonderli.

Nel nostro corpo ci sono milioni e milioni di microbi che convivono con le nostre cellule: il microbiota. Gran parte di loro vive nell’intestino. Li conosciamo insieme come la flora intestinale.

Tutti questi batteri intestinali possono essere divisi in due tipi: quelli che hanno effetti benefici e quelli che hanno effetti dannosi. Quest’ultimo tipo può causare diarrea, infezioni o putrefazione intestinale.

I batteri benefici ci aiutano a controllare i batteri nocivi, rafforzare il sistema immunitario, ridurre i gas e migliorare la digestione. Sono inoltre necessari per sintetizzare alcune vitamine e per l’assorbimento di determinati nutrienti.

Per il buon umore e la salute è quindi molto importante mantenere una flora intestinale sana ed equilibrata. Qual è il rapporto con prebiotici e probiotici? Scopriamolo insieme.

La principale differenza tra prebiotici e probiotici

Ci sono due cose fondamentali che dobbiamo fare per mantenere in buono stato la nostra flora intestinale :

  • Fornire probiotici per garantire un apporto costante di microbi vivi al nostro corpo
  • Fornire prebiotici per garantire una buona nutrizione per i microbi già stabiliti

Quindi possiamo vedere, in modo molto succinto, dove sta la principale differenza tra prebiotici e probiotici. Almeno uno dei più importanti per poter differenziare l’uno dall’altro molto velocemente.

Ma ora, scaviamo un po’ più a fondo in ognuno di essi e scopriamo dove possiamo trovarli. Prendi nota!

Prebiotici o nutrimento della nostra flora intestinale

Semi di chia

I prebiotici sono ingredienti alimentari indigeribili che raggiungono il colon intatti. Servono da cibo per i nostri batteri intestinali che hanno gli enzimi appropriati per degradarli.

Agendo come cibo, stimolano la loro crescita e attività e, in definitiva, migliorano la salute dell’ospite (l’individuo). Affinché un componente alimentare sia considerato un prebiotico, deve soddisfare tre condizioni :

  • Non deve essere scomposto o assorbito nello stomaco e nell’intestino tenue
  • Deve essere in grado di essere fermentato dai batteri una volta arrivato intatto nel colon
  • Questa fermentazione dovrebbe favorire l’attività e la proliferazione di alcuni batteri intestinali che hanno un effetto benefico sul corpo umano.

Finora, i prebiotici più studiati sono stati i diversi tipi di fibre presenti negli alimenti vegetali. In particolare, frutto-oligosaccaridi (FOS), galatto-oligosaccaridi (GOS) e inulina.

Tuttavia, possiamo trovare sostanze benefiche per la nostra flora intestinale in molti altri alimenti:

  • Alcuni tipi di fibre presenti in cipolle, porri, asparagi, carciofi, semi (chia e lino), patate, carote, mele, tra gli altri, sono buoni prebiotici
  • In polifenoli di cacao, frutti rossi o spezie
  • Nei grassi dell’olio d’oliva, nella frutta secca o nel pesce grasso

Cosa sono i probiotici?

Ora che sappiamo cosa sono i prebiotici, scaviamo più a fondo il concetto di probiotici per capire meglio la differenza tra i due. Il termine probiotico significa letteralmente “pro-vita”.

La definizione più ampiamente accettata di probiotici è stata sviluppata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). Queste organizzazioni parlano di:

Qui non si tratta più di nutrire i nostri batteri, ma di portarli direttamente. La maggior parte dei probiotici proviene da batteri utilizzati nella fermentazione degli alimenti.

I più studiati appartengono ai generi Lactobacillus e Bifidobacterium . Si trovano anche negli alimenti o come integratori alimentari.

I migliori alimenti probiotici

I probiotici si trovano nello yogurt bianco

Probabilmente, uno degli alimenti ricchi di probiotici più convenienti introdotti nella nostra vita quotidiana è lo yogurt. Non c’è bisogno di aggiungere nulla ad esso. Un buon yogurt bianco ci fornisce già lattobacilli e streptococchi. Il kefir è anche l’ideale, poiché ci fornisce una maggiore varietà e quantità di ceppi batterici.

Un’altra buona fonte di probiotici sono le verdure fermentate come i crauti e i sottaceti. Nella cucina asiatica abbiamo il miso (pasta di soia fermentata) e il tempeh (soia fermentata).

E uno degli ultimi a fare la lista dei cibi probiotici è il kombucha, una bevanda leggermente gassata che è diventata molto popolare negli ultimi anni.

Insomma

Il modo migliore per riassumere la differenza tra prebiotici e probiotici è capire che i due hanno un’azione diversa ma complementare. È quindi inutile fornire probiotici al nostro organismo se non sono, alla fine, ben nutriti con i prebiotici.

Tuttavia, dovremo tenere d’occhio gli ultimi sviluppi, poiché la scienza su prebiotici e probiotici è attualmente in espansione e può portarci molti nuovi concetti e scoperte.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button