Miti Sugli Alimenti Cancerogeni

Molto spesso, l’opinione pubblica e le associazioni di attivisti associano determinati alimenti allo sviluppo del cancro. Tra i prodotti più criticati ci sono gli alimenti geneticamente modificati. Sono davvero vere queste affermazioni? 

È vero che i componenti cancerogeni si trovano negli alimenti, ma le informazioni esistenti meritano di essere qualificate. Per questo vi invitiamo qui a scoprire quali sono i miti sui cibi cancerogeni.

Il cancro è la seconda causa di morte nei paesi sviluppati. La probabilità di ammalarsi di cancro aumenta con l’età ed è strettamente legata alla quantità di agenti cancerogeni a cui siamo esposti per tutta la vita, tra gli altri.

Alcuni di questi agenti cancerogeni si trovano negli alimenti che mangiamo. Le prove scientifiche che dimostrano la relazione tra dieta e sviluppo del cancro sono in aumento.

Tuttavia, il cancro è una malattia multifattoriale, cioè diversi fattori sono responsabili della causa della malattia. Dieta e genetica sono, ad esempio, alcuni di questi fattori responsabili.

Molti articoli affermano che il consumo di determinati alimenti porta all’insorgenza di questa malattia. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, queste affermazioni devono essere qualificate.

Scopri qui i principali alimenti ritenuti cancerogeni e alcune sfumature relative a queste affermazioni.

Alimenti cancerogeni: carni lavorate

Alcune carni hanno componenti nitrose o ammine aromatiche per un motivo molto semplice: questi componenti fanno sì che il cibo si conservi più a lungo. Questo è particolarmente vero per le carni marinate, essiccate o salate.

Questi componenti possono causare rischi per la salute, poiché hanno un alto potenziale cancerogeno.

Tuttavia, una dieta equilibrata è sufficiente per prevenire i possibili effetti negativi di questi componenti sulla salute. Per dieta equilibrata si intende una dieta ricca di alimenti di origine vegetale e povera di carne.

Alimenti cancerogeni: bibite

le bibite sono alimenti cancerogeni

Il consumo eccessivo di bevande rinfrescanti può nuocere alla salute, poiché questi prodotti sono ricchi di zucchero. Quindi promuovono un forte aumento del livello di zucchero nel sangue del corpo .

Le cosiddette bevande leggere non sono più salutari. Anche se queste bevande sono a basso contenuto di zucchero, contengono sostituti chimici e dolcificanti artificiali che sono tutt’altro che benefici per la salute.

Alcuni di questi componenti hanno un forte potenziale cancerogeno. Questo non significa che causino il cancro.

L’ideale è limitare il consumo di bevande rinfrescanti per prevenire possibili danni all’organismo. Quel che è certo è che un consumo eccessivo, alla lunga, finisce per danneggiare il tuo organismo e nuocere alla tua salute.

Alimenti cancerogeni: organismi geneticamente modificati

gli organismi geneticamente modificati sono alimenti cancerogeni

Ci sono molti oppositori degli organismi geneticamente modificati (OGM). Tuttavia, questa posizione di rifiuto e rifiuto nei confronti di questa tecnologia si basa generalmente su aspetti etici relativi alla commercializzazione e alla produzione di questi alimenti, e non sul prodotto stesso.

Ci sono ancora molte affermazioni che affermano che il consumo di organismi geneticamente modificati non è sicuro e può causare il cancro.

In queste affermazioni, i colpevoli sono gli erbicidi ei pesticidi utilizzati su questo tipo di alimento. Per capirlo, è necessario avere alcune nozioni di base sugli organismi geneticamente modificati.

Le caratteristiche degli organismi geneticamente modificati

Le caratteristiche principali delle colture di organismi geneticamente modificati sono la resistenza agli insetti e la tolleranza alle erbe infestanti.

La prima di queste caratteristiche è possibile grazie ad una proteina di origine batterica, utilizzata negli anni ’30 in agricoltura biologica.

La seconda caratteristica è legata all’inserimento di un gene batterico nella coltura. Questo gene produce una proteina che aumenta la resistenza all’erbicida glifosato.

L’uso di questo erbicida è uno degli aspetti più controversi sugli organismi geneticamente modificati. Tuttavia, dal 1974, esiste un record preciso dell’affidabilità di questo prodotto.

Inoltre, molti studi scientifici affermano che il glifosato non è un fattore di rischio.

La paura intorno al consumo di alimenti geneticamente modificati si basa essenzialmente sulla mancanza di conoscenza.

Per migliorare le caratteristiche di questi alimenti, alcuni frammenti del loro DNA vengono modificati. Il DNA, presente in tutti gli alimenti, viene consumato e si degrada nello stomaco  , senza causare danni all’organismo.

Date le loro caratteristiche, gli alimenti geneticamente modificati sono soggetti a un rigoroso processo internazionale di valutazione del rischio.

I risultati di queste valutazioni dimostrano che le colture di questi alimenti non rappresentano un rischio per la salute maggiore rispetto alle colture tradizionali.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button