Ipocalcemia: Sintomi E Trattamento

L’ipocalcemia è caratterizzata da un livello troppo basso di calcio nel sangue. Scopri di più sui sintomi e sul trattamento qui.

Il calcio è uno dei minerali essenziali per una salute ottimale. Quando il livello di calcio è estremamente basso nel sangue, si parla di ipocalcemia, una condizione piuttosto comune.

Il calcio svolge due importantissime funzioni a livello intracellulare ed extracellulare.

  • Livello intracellulare. Il calcio è coinvolto in varie reazioni enzimatiche ed è importante per la trasmissione dei segnali nervosi.
  • Livello extracellulare. Il calcio svolge un ruolo importante per la secrezione endocrina, la coagulazione e la placca terminale.

È essenziale tenere conto di questi due livelli, poiché la maggior parte dei sintomi dell’ipocalcemia sono strettamente correlati a questi livelli.

Consideriamo ora più in dettaglio i punti importanti di questa malattia.

Sintomi

ipocalcemia

Uno dei principali organi colpiti dall’ipocalcemia è l’osso che ha bisogno di calcio per la sua formazione.

Le seguenti condizioni favoriscono l’insorgenza dell’ipocalcemia:

  • una mancanza di vitamina D
  • malattia renale cronica
  • grave problema del sangue come una diagnosi di leucemia

In tutti i casi e in molti altri, i principali organi che iniziano a subire le conseguenze di una carenza di calcio nel sangue sono le ossa, l’intestino ei reni.

Più concretamente, i diversi sintomi della malattia sono i seguenti.

  • Aumento dell’eccitabilità della piastra terminale del motore. Gli spasmi si verificano nella muscolatura, che di solito sono molto dolorosi. Di solito colpiscono i muscoli delle estremità. Questo sintomo è noto come tetania.
  • Stanchezza e debolezza. I pazienti con ipocalcemia sono molto più stanchi del normale. Diarrea e perdita di peso, altri due sintomi comuni di questa malattia, possono spiegare questa stanchezza.
  • Psicosi e ansia. Questi due sintomi sono abbastanza comuni. I pazienti iniziano a esprimere un cambiamento nel loro senso della realtà e diversi attacchi di ansia seguono questo cambiamento.
  • Parestesie. Oltre agli spasmi, i pazienti possono avvertire una sensazione di formicolio, intorpidimento e bruciore in diverse parti del corpo. A volte, provano dolori acuti.

Ti abbiamo presentato alcuni sintomi comuni di ipocalcemia, ma ce ne sono molti altri, come aritmie o pressione bassa, tra gli altri.

Il trattamento

ipocalcemia

Per verificare che un individuo sia effettivamente affetto da ipocalcemia, il paziente dovrà fare un esame del sangue.

Grazie a questo esame del sangue, il medico saprà se è necessario iniziare un trattamento per curare questa malattia. Sarà inoltre in grado di rilevare il tipo di ipocalcemia di cui soffre il paziente.

Ipocalcemia acuta

Questo primo tipo di ipocalcemia è considerato grave. Il paziente deve essere curato immediatamente. Il trattamento consiste nella somministrazione di gluconato di calcio per via endovenosa.

Durante la somministrazione del trattamento, il paziente deve essere a tutti i costi sotto controllo medico. Il motivo è il seguente: questo necessario trattamento può comunque causare aritmie cardiache.

Ipocalcemia cronica

Essere cronici significa che il paziente ha seri problemi a stabilizzare e bilanciare i livelli di calcio nel sangue e quindi soffre di questa malattia per un lungo periodo di tempo.

Per questo motivo, le condizioni del paziente devono essere monitorate continuamente. Il trattamento consiste nell’assunzione di integratori di calcio e vitamina D per via orale.

Questo caso di ipocalcemia non è grave come il caso precedente, ma richiede un monitoraggio permanente: è necessario controllare il livello di calcio.

Una volta stabilita la diagnosi, le visite di controllo devono essere effettuate ogni settimana. Dopo un certo tempo, questi controlli avranno luogo solo una volta al mese, poi di nuovo dopo un certo tempo, ogni tre mesi.

Come nel caso delle persone che soffrono di ipo o ipertiroidismo, i pazienti che soffrono di ipocalcemia non devono perdere i controlli indicati dal medico.

L’ipocalcemia cronica non comporta il rischio di aritmie, ma possono comparire calcoli renali. Per risolvere questo problema, devi limitare l’assunzione di sale.

Ci auguriamo che questo articolo vi abbia permesso di conoscere un po’ di più su questa malattia di cui soffrono molte persone ma il cui nome non è ancora ben noto.

Hai mai sofferto di ipocalcemia? Di che tipo di ipocalcemia hai sofferto? Raccontaci tutto!

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button