Dolore Neuropatico: Quel Fastidioso Compagno Notturno

Il problema del dolore neuropatico è che non tutti lo sentono allo stesso modo, e quindi le cure devono essere individualizzate, a seconda delle esigenze individuali.

Forse il termine dolore neuropatico ti suona un po’ strano.

Tuttavia, se lo spieghiamo (dolore, prurito o intorpidimento alle mani e ai piedi si è intensificato durante la notte), significa sicuramente qualcosa per te.

Questo tipo di disturbo è molto simile a una scossa elettrica. A volte si avverte bruciore, formicolio e, anche se può scomparire dopo poche settimane, si ripresenta velocemente, più forte, al punto da impedirci di beneficiare di un sonno profondo e ristoratore.

Il dolore neuropatico colpisce il 10% della popolazione. Altera la qualità della vita e dovresti sapere che non esiste un trattamento efficace che elimini completamente questo problema.

Allo stesso modo, può essere accompagnato da altri sintomi, che devono essere presi in considerazione.

Se questo è il tuo caso, ti consigliamo di consultare un buon specialista. Esistono diversi tipi di approcci terapeutici e devi trovare quello più adatto a te.

In questo articolo spiegheremo le chiavi di base e perché questo dolore si intensifica di notte.

Da dove viene il dolore neuropatico?

Il dolore neuropatico deriva da una piccola alterazione del sistema nervoso. È associato a persone che soffrono di dolore cronico.

A volte possiamo trovare lesioni nel midollo spinale, che causano carichi fastidiosi.

Allo stesso modo, il dolore neuropatico può anche essere correlato a disturbi immunitari o problemi ai nervi periferici.

Spesso il disagio è localizzato al nervo trigemino del viso o al nervo intercostale.

È un tipo di dolore molto più complesso del classico intorpidimento delle mani e dei piedi.

Gli specialisti sono gli unici che possono darci una diagnosi adeguata basata sui nostri sintomi.dolore neuropatico

Quali sono i possibili sintomi?

Il dolore neuropatico è cronico. Come vi abbiamo detto in precedenza, va e viene, a periodi.

Tuttavia, i pazienti si lamentano ancora che il dolore è insopportabile di notte.

Al disagio localizzato dei piedi e delle mani si aggiungono varie alterazioni sensibili in tutto il corpo, cioè il solo attrito può generare dolore.

Perché il disagio è più intenso di notte?

Gli specialisti ci dicono che il dolore neuropatico è sottodiagnosticato.

Ciò è dovuto a diverse ragioni:

  • Questo dolore non è correlato alle ossa o alle articolazioni. Parliamo di nervi e neuroglia, cioè un tipo di sensibilizzazione centrale localizzata sulle cellule gliali.
  • Il dolore neuropatico non viene alleviato con un’aspirina. In effetti, è comune che i pazienti siano disperati perché non possono alleviare se stessi.

A poco a poco, e nel caso in cui non troviamo una soluzione, possiamo provare una certa depressione.

Se invece durante la notte il dolore si intensifica è per la nostra “silenzio”. Quando siamo in movimento, il nostro corpo lenisce, in un certo modo, questa alterazione dei nervi.

Quindi quando ci riposiamo, le scosse elettriche sono più intense. I muscoli non si allenano più e la tensione si concentra maggiormente sulle estremità, come i piedi e le mani.dolore neuropatico

Allo stesso modo, l’ipersensibilità si intensifica durante la notte. È come avere fili su tutto il corpo. 

Esiste una terapia efficace per il dolore neuropatico?

È dolore cronico. Ciò richiede, soprattutto, consapevolezza. Questo disagio, questi dolori che a volte ci paralizzano e ci impediscono di dormire, ci accompagnano permanentemente.

Ma la chiave non è nella resa, sappilo. Sta nella continua ricerca di una buona qualità di vita.

Questa battaglia è molto personale. Ciò significa che un trattamento può essere adatto a un amico ma non è adatto a noi.

È quindi importante considerare le diverse alternative:

  • Il farmaco. Come ti abbiamo detto prima, i farmaci non garantiscono che il dolore neuropatico scompaia al 100%. Tuttavia, molti dovrebbero essere provati, come gli steroidi antinfiammatori o altri consigliati dal medico.
  • La fisioterapia passiva, come i massaggi o l’applicazione di caldo/freddo, può alleviarci.
    Allo stesso modo, anche le terapie attive, come l’esercizio fisico moderato, possono aiutarci.
  • Chirurgia. Sono gli specialisti che ci informano della possibilità o meno di questa opzione. A volte aiuta ad alleviare il dolore.

v

  • Neurostimolatori. Questo tipo di tecnica clinica offre anche una migliore qualità della vita. Ciò comporta l’invio di piccoli impulsi elettrici molto delicati nello spazio epidurale vicino alla colonna vertebrale.

In questo modo si allevia la percezione del dolore intenso sostituendolo con una sensazione di formicolio quasi impercettibile.

Per concludere, diremo che il dolore neuropatico è una realtà molto delicata per chi ne soffre, ma ci sono tanti tipi di cura.

È bene provarli tutti per vedere quale ci si addice meglio, per vivere meglio e ridurre l’impatto del dolore.


Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button