Come Trattare Le Afte E Le Ulcere Della Bocca?

Le cause delle ulcere alla bocca sono varie, ma anche le soluzioni sono numerose. Scopri qui come alleviare queste piaghe e prevenirne la comparsa.

Le afte e le ulcere della bocca sono piccole ferite che compaiono nel rivestimento della bocca. Di solito sono piccoli, anche se la loro posizione li rende scomodi e dolorosi. Cibi particolarmente caldi o freddi, croccanti e acidi li irritano e provocano maggiore disagio.

La difficoltà nel loro recupero risiede nell’umidità della bocca e nel consumo di cibo. Pertanto, cerchiamo di trovare una soluzione rapida che tratti e allevia le dolorose ulcere aftose e le ulcere della bocca. Questo è ciò di cui ti parleremo nella fuliggine di questo articolo.

Perché compaiono afte e ulcere della bocca?

Sebbene si tratti di lesioni molto comuni, la verità è che non si sa esattamente perché appaiano. Quello che sappiamo è che le piaghe e le ulcere aftose colpiscono il 20% della popolazione. Provocano dolore e disagio, sia quando si parla che quando si mangia. Possono essere di due tipi: semplici o complessi.

I primi compaiono alcune volte all’anno e durano circa una settimana nelle persone di età compresa tra 10 e 20 anni. Le ulcere complesse sono meno comuni e sono vissute da coloro che hanno già avuto qualche tipo di ulcera alla bocca. La comparsa delle ferite può essere legata a diverse cause:

  • secondo uno studio condotto dalla Scuola di Odontoiatria dell’Università Complutense di Madrid, lo stress può causare la comparsa di ulcere alla bocca;
  • consumo di cibi acidi o agrumati ;
  • cibo o utensili;
  • un sistema immunitario indebolito;
  • Problemi nutrizionali o malattie gastrointestinali
  • un intervento ortodontico.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alle ulcere della bocca e alle manifestazioni dell’herpes, che possono avere lo stesso aspetto. L’herpes labiale è causato da un semplice virus e è contagioso, le afte no. Inoltre, l’herpes può comparire in altri punti del viso, come le labbra, il naso e sotto il mento.

Se hai un’ulcera alla bocca, i sintomi che dovresti provare sono formicolio e bruciore dolorosi, così come piaghe rotonde, bianche o grigie con arrossamento intorno ai bordi. Potrebbero esserci anche febbre e linfonodi ingrossati.

La cosa bella delle afte e delle ulcere alla bocca è che quasi sempre scompaiono da sole. Il dolore può essere molto sgradevole, ma l’importante è non passarci sopra la lingua o digrignarla con i denti, anche se potrebbe essere “tentazione”. Dopo solo sette o dieci giorni, sarà semplicemente un brutto ricordo.

Rimedi naturali per curare afte e afte

Sale

curare le afte con il sale
Un cucchiaio di sale marino.

Il sale  è uno degli antisettici più economici ed efficaci disponibili . È un grande alleato per curare le ferite in modo naturale. Basta mescolare un cucchiaino di sale in un bicchiere di acqua tiepida e sciacquare la bocca, sottolineando la zona in cui hai la lesione. Sputare l’acqua e ripetere questo processo almeno tre volte al giorno. A poco a poco, il dolore e il disagio diminuiranno.

Bicarbonato di sodio

Agisce allo stesso modo del sale, vale a dire come un efficace antisettico in questi casi. Mescolare con mezzo bicchiere d’acqua e sciacquare la bocca con gargarismi, senza ingoiare il liquido. Si può anche formare una pasta con un po’ d’acqua e applicarla sulla ferita ; è necessario lasciarlo per alcuni istanti affinché abbia effetto. Quindi risciacquare con acqua fredda senza strofinare.

perossido di idrogeno

Ecco un altro rimedio infallibile per le ulcere della bocca, secondo uno studio dell’Università di Barcellona. Prendi un batuffolo di cotone o un pezzo di cotone e immergilo nel perossido di idrogeno. Applicare direttamente sulla lesione tre volte al giorno. Lenirà il disagio e aiuterà a prevenire possibili infezioni.

Il collutorio

curare le afte
La chiave per il trattamento delle ulcere aftose è applicare antisettici che non infettino l’area.

Il collutorio può aiutare ad alleviare il disagio in bocca, solo per darti un sollievo immediato che controllerà l’accumulo di batteri. Non usare troppo collutorio ad ogni risciacquo, soprattutto se è troppo forte, perché può bruciarti.

Ghiaccio

La proprietà di un cubetto di ghiaccio è quella di curare le ferite a poco a poco e, a sua volta, ridurre l’infiammazione e lenire il dolore. Secondo uno studio dell’Università di  Las Américas , il raffreddore fungerebbe da sedativo. Metti un cubetto di ghiaccio sulla zona interessata tutte le volte che ritieni necessario al giorno.

Yogurt

Grazie all’acido presente nel latte e nei batteri in esso contenuti, ti aiuterà a modificare la composizione del pH della tua bocca e a controllare la formazione di nuovi batteri.

Tuttavia, molti studi  affermano che la comparsa di afte può essere strettamente legata al consumo di latticini, farine, buccia di pomodoro e frutta secca.

Consigli per evitare la formazione di afte e afte

Piaghe alla bocca
Una dieta povera può facilmente causare la comparsa di ulcere alla bocca.

Una carenza di minerali o vitamine provoca afte. Pertanto, è meglio includerli nella tua dieta. Altre condizioni che possono anche causare piaghe sono l’ anemia da carenza di ferro o acido folico , la celiachia e il morbo di Crohn, tra gli altri. Non esitate ad aggiungere alla vostra dieta cibi contenenti ferro, come verdure, cereali integrali o latte, tra gli altri.

Inoltre, fai attenzione quando ti lavi i denti, poiché ciò può causare lesioni o irritazioni. Lo stesso vale quando si mangiano cibi croccanti come biscotti, pane, toast, ecc. Infine, evita i cibi acidi o piccanti, le gomme da masticare e, non meno importante, non dimenticare di usare il filo interdentale dopo ogni pasto per mantenere la bocca sempre pulita e sana.

  • Hale, L., & Wojnarowska, F. (1997). Ulcere della bocca. praticante.
  • Scully, C., Gorsky, M. e Lozada-Nur, F. (2002). Ulcerazioni aftose. Terapia dermatologica. https://doi.org/10.1046/j.1529-8019.2002.01528.x
  • Scully, C., e Shotts, R. (2001). Ulcere della bocca e altre cause di indolenzimento e dolore orofacciale. Giornale occidentale di medicina. https://doi.org/10.1136/ewjm.174.6.421

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button