5 Motivi Per Non Dare Ai Tuoi Bambini Milkshake Al Cioccolato

Per evitare di regalare ai nostri bambini ingredienti di dubbia qualità, è meglio preparare in casa questo tipo di bevanda e frullato, con yogurt e prodotti naturali.

Può darsi che questo genere di notizie che ti avvertono di un pericolo legato al consumo di determinati alimenti ti stanchi di tanto in tanto. Tuttavia, quando questi temi riguardano la salute dei nostri bambini, acquista maggiore importanza.

Di seguito vogliamo parlarvi dei classici milkshake al latte, quelli che tanto amano e che spesso sono la merenda preferita dei nostri bambini quando tornano a casa da scuola.

Come padri e madri, siamo sicuri che in più di un’occasione avrete letto l’analisi nutrizionale dei tetrabrik da 200 ml, ad esempio, che spesso mettiamo nella loro borsa.

Tutto ci sembra a posto, sappiamo che contengono quegli stabilizzanti che ne mantengono l’aspetto e la consistenza, ma… cos’altro ci dicono? Oggi ve lo spieghiamo.

  1. Carragenina, elemento sconsigliato negli alimenti per lattanti

Se non avete mai sentito parlare di carragenina vi diremo che è un prodotto naturale a base di diverse alghe. Alghe in un prodotto caseario? Sì. Tuttavia, sebbene sia un prodotto naturale, dovresti sapere che l’Organizzazione Mondiale della Sanità lo sconsiglia per l’alimentazione infantile.

  • Altera la flora intestinale dei bambini.
  • Produce una cattiva digestione.
  • Provoca gas.
  • Provoca diarrea.

Ti starai chiedendo la quantità giornaliera raccomandata affinché i bambini non sperimentino effetti. Per il momento, le autorità sanitarie non hanno ancora concordato.

2. I frullati al cioccolato contengono caseinafrappè

Probabilmente conosci già queste informazioni. I milkshake al cioccolato sono prodotti caseari e quindi ricchi di caseina, cioè di proteine ​​del latte.

Gli effetti di questa proteina sull’organismo variano molto da persona a persona, ma sugli organismi infantili si possono notare i seguenti effetti:

  • Irritano l’intestino.
  • Influenza il sistema immunitario.
  • Produrre allergie.
  • Può produrre eczema o bronchite, a causa dell’allergia a questo prodotto caseario.

Non tutti i bambini sviluppano questo tipo di allergia o reazione, ma sono informazioni di cui tenere conto per regolarne almeno il consumo.

3. I milkshake al cioccolato contengono troppo zucchero.

Non ti sorprenderà se ti diciamo che i milkshake al cioccolato contengono zucchero, ma lo sapevi che un brick da 200 ml contiene quasi 30 grammi di zucchero?

Questa quantità è troppo alta, e ancor di più se teniamo conto del fatto che i bambini la consumano molto spesso.

  • Lo zucchero provoca insulino-resistenza e rischiamo che i bambini finiscano con la sindrome metabolica e il diabete.
  • Lo zucchero aumenta la concentrazione degli acidi biliari nelle feci e degli enzimi batterici nel colon.
  • I milkshake al cioccolato contengono sciroppo di mais, un tipo di dolcificante ad alto contenuto di fruttosio. Questo componente può causare danni al fegato a lungo termine.
  • Corriamo il rischio che i nostri figli diventino bambini obesi.

4. I milkshake al cioccolato non daranno ossa forti ai bambini.

Le aziende casearie che producono questo tipo di milkshake al cioccolato spesso ci raccontano i loro benefici con frasi come: “ aiuta a crescere le ossa”, “le ossa dei bambini saranno più forti”, “sarà alto e forte”…

  • Dobbiamo guardare questo tipo di informazioni con calma, cautela e un po’ di scetticismo. Il calcio in questo tipo di milkshake al cioccolato non viene assorbito facilmente. In effetti, è comune perderlo.
  • Amy Lanou, direttrice del centro nutrizionale del “Comitato dei medici per la medicina responsabile”, ci dice curiosamente che i paesi con il più alto tasso di osteoporosi sono quelli dove le persone bevono più brick milk, o bibite analcoliche.
  • I milkshake al cioccolato non sono una buona fonte di calcio. Sarebbe più consigliabile bere yogurt bianco o addirittura ingerire calcio da fonti vegetali.

5. A volte il milkshake al cioccolato potrebbe non avere il sapore del cioccolato

Il sapore è completamente artificiale. I produttori, infatti, utilizzano spesso sostanze chimiche e altri elementi aromatici che ricordano il cioccolato senza necessariamente esserlo. Lo stesso vale per altri gusti come fragola, vaniglia…

Spesso contengono sostanze come proteine ​​vegetali idrolizzate o glutammato monosodico. A questa informazione se ne deve aggiungere una ancora più preoccupante: i produttori alimentari non sono obbligati a rivelare gli ingredienti utilizzati per creare questo sapore.

Si presume che si tratti di formule private per poter competere con altri marchi. È quello che succede, ad esempio, con la Coca-Cola.

Ci sono opzioni più salutari dei milkshake al cioccolatofrappè

  • Non c’è motivo di rinunciare ai latticini, ma è meglio consumare quelli più sani, quelli che hanno una maggiore quantità di calcio e, inoltre, si prendono cura della flora intestinale dei bambini: potete farne un frullato con yogurt naturale di aggiungendo cioccolato in polvere e un po’ di bevanda all’avena. Lo adoreranno.
  • Anche le bevande vegetali sono un’opzione molto adatta.
  • Un’altra idea è quella di preparare per loro succhi naturali fatti in casa.

Per concludere, è importante sapere che consumare ogni tanto un milkshake al cioccolato non comporta alcun rischio. Sono pericolosi quando diventano un’abitudine nelle diete dei bambini.


Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button