4 Cose Che Devi Sapere Sulle Diete Povere Di Sodio

Le diete povere di sodio sono una buona opzione per evitare tutte le complicazioni che comporta l’assunzione eccessiva di sale. Tuttavia, come sapete, il sodio è essenziale per il corretto funzionamento dell’organismo. 

Le diete povere di sodio sono quelle i cui principi mirano a limitare il consumo di cibi ricchi di questo minerale. Le persone che adottano o devono adottare questi tipi di diete sono quelle che soffrono di una malattia che peggiora quando il livello di sodio nel sangue è alto. Questo è il caso delle persone che soffrono di ipertensione, malattie renali o insufficienza cardiaca.

Diamo un’occhiata ad alcuni punti importanti sulle diete povere di sodio nel resto di questo articolo . Andiamo !

Perché abbiamo bisogno di sodio?

sale da tavola

Il sodio rappresenta il 50% della composizione del sale comune, il cloro rappresenta il restante 50%. Questo è il motivo per cui il sale è chimicamente noto come cloruro di sodio.

Il sale è la più importante fonte alimentare di sodio. Ma dovresti anche sapere che una piccola parte di questo minerale viene aggiunta nei processi di produzione di prodotti alimentari trasformati.

Il sodio è un nutriente essenziale per la vita, ma il corpo ha bisogno solo di una piccola quantità. L’ingestione di grandi quantità di sale può quindi nuocere gravemente alla salute.

Se questo minerale è essenziale è perché permette al corpo di rimanere adeguatamente idratato, garantisce il successo degli scambi cellulari e mantiene l’omeostasi, tra le altre cose.

Come fai a sapere se un alimento è povero di sodio?

Per sapere se un alimento è ricco o povero di sodio, è importante leggere l’etichetta dell’alimento presente sulla confezione  : l’etichetta riporta la quantità di sodio presente nell’alimento in questione. La quantità di sodio è espressa in milligrammi (mg).

La colonna percentuale sull’etichetta dell’alimento  si riferisce alle dosi giornaliere di una porzione dell’alimento in questione per ciascun nutriente elencato.

Affinché un alimento sia considerato a basso contenuto di sodio, una porzione di quell’alimento deve contenere meno del 5% di sodio. Al contrario, quelli contenenti il ​​20% o più sono considerati ricchi di sodio.

Altre indicazioni relative al sodio possono essere trovate sulle etichette dei prodotti alimentari:

  • Senza sodio : ogni porzione contiene meno di 5 mg di sodio
  • Molto povero di sodio : una porzione contiene 35 mg o meno di sodio
  • Basso contenuto di sodio : una porzione contiene 140 mg o meno di sodio
  • Ridotto contenuto di sodio : una porzione ha almeno il 25% in meno di sodio rispetto al prodotto originale
  • Nessun sale o sale aggiunto: durante la lavorazione del cibo non è stato aggiunto sale, ma il cibo stesso può contenere sodio

I benefici delle diete povere di sodio

Come dicevamo sopra, il sale è fondamentale per la salute, ma nella giusta quantità. Ci sono molti vantaggi di una dieta a basso contenuto di sodio. Ne elenchiamo alcuni di seguito.

  • Un’eccessiva assunzione di sodio può portare all’ipertensione, un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. L’assunzione limitata di sodio aiuta ad abbassare la pressione sanguigna
  • Alcune condizioni di salute possono essere migliorate riducendo l’assunzione di sodio. Questo punto riguarda, ad esempio, le persone che soffrono di stitichezza o ritenzione idrica. Un consumo limitato di sodio aiuta quindi a prevenire alcune malattie
  • L’assunzione limitata di sale favorisce la perdita di peso

Diete povere di sodio: come ritrovare l’equilibrio?

Alimenti da evitare nelle diete povere di sodio

Le diete prive di sodio o a basso contenuto di sodio possono essere una buona opzione per evitare tutte le complicazioni dovute all’assunzione eccessiva di sale. Tuttavia, come sapete, il sodio è essenziale per il corretto funzionamento dell’organismo. Pertanto, è necessario trovare un equilibrio. Di seguito sono riportati alcuni consigli da considerare.

  • Non salare durante la cottura : gli alimenti contengono già sali naturali. Per esaltare il gusto del cibo, puoi usare aceto, spezie o anche limone. Quindi non è necessario utilizzare il sale.
  • Cambiare il metodo di cottura : la trasformazione degli alimenti durante la cottura è molto spesso responsabile della riduzione del gusto naturale degli alimenti. Impara a cuocere a vapore, al cartoccio o al forno avvolgendo il cibo in carta da forno
  • Optate per un olio d’oliva dal gusto intenso. Questo olio apporta molti benefici mentre apporta un tocco in più ai tuoi pasti

Tieni presente che limitare l’assunzione di sale è uno degli obiettivi dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per uno stile di vita sano.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button