3 Suggerimenti Montessori Per Crescere Bambini Indipendenti

Il metodo Montessori per crescere bambini indipendenti è di grande aiuto nel promuovere la loro autonomia, autodisciplina e iniziativa per esplorare e cercare la conoscenza.

Educare i bambini è un diritto fondamentale. Ciò consente loro di acquisire nuove conoscenze e contribuisce pienamente al loro sviluppo personale, favorendo così l’integrazione sociale e professionale. Condividiamo quindi di seguito 3 consigli della pedagoga Maria Montessori per educare i bambini. Continuare a leggere!

Il diritto all’istruzione è essenziale per lo sviluppo economico, sociale e culturale di tutti gli esseri umani. Nonostante tutto, rimane inaccessibile a migliaia di bambini in tutto il mondo.

I paesi devono quindi concentrare i loro sforzi sull’istruzione primaria per rendere le scuole accessibili e gratuite per tutti i bambini. Saranno in grado di imparare a leggere e scrivere.

Chi è Maria Montessori?

Qui vi parleremo di María Montessori, creatrice di un metodo di studio ideale per educare bambini indipendenti. María Montessori è stata una famosa pedagoga italiana (31 agosto 1870 – 6 maggio 1952).

La sua idea era di  dare al bambino la sensazione di poter agire senza dipendere costantemente dall’adulto. Le teorie di questo metodo si basavano sull’osservazione delle cose che i bambini piccoli facevano quando non erano controllati da un adulto.

Metodo Montessori

Queste teorie sono state definite dal Dott. Montesorri a partire dal lavoro svolto con bambini in situazioni di rischio sociale. La cosa più importante per lei era il rispetto per loro e la loro capacità di imparare.

Il metodo di apprendimento per educare i bambini si basa su:

  • Rispetto dell’autonomia degli studenti
  • Rispetto dell’iniziativa personale
  • Autodisciplina degli studenti
  • Esplorazione e ricerca della conoscenza

Ecco quindi alcuni dei consigli Montessori per educare i bambini:

1. Orientare i bambini

I bambini di età compresa tra 2 e 3 anni entrano nel primo periodo dello sviluppo umano.  Questo è il più importante. Questo è davvero il momento in cui i più giovani acquisiscono il massimo del loro potenziale di apprendimento.

È a questa età che hanno bisogno di più aiuto. Ciò è dovuto al fatto che sono dotati di grandi energie creative e che devono essere guidati affinché non scompaiano nel tempo.

I bambini a questa età iniziano a comunicare. I genitori  devono quindi assegnare  loro le prime responsabilità in base alla loro età. I genitori devono quindi guidare e supervisionare ogni compito svolto dai loro figli.

2. Regolare l’ambiente

L’ ambiente dovrebbe essere organizzato con cura per incoraggiare l’autoapprendimento dei bambini. Dovrebbe essere semplice, chiaro e ordinato. Inoltre, affinché gli studenti possano interagire, il luogo dovrebbe avere una buona luce, piante, arte, musica e libri.

Metodo Montessori

Questo adattamento è importante perché permette ai bambini di sviluppare i loro aspetti sociali, emotivi e intellettuali. Si  consiglia inoltre di adattare i mobili all’età del bambino in modo  che possa sistemarsi senza l’aiuto o la costante supervisione di un adulto.

Questa riorganizzazione aiuterà il bambino a sentirsi autonomo, favorendo così la sua indipendenza. È necessario utilizzare rinforzi positivi, con frasi motivanti, per promuovere questo aspetto.

3. Consigliare e guidare il bambino

I bambini di età compresa tra 7 e 8 anni vivono un’evoluzione. Hanno bisogno di rafforzare la loro autostima, la loro identità e il loro futuro di persone utili, capaci e indipendenti.

Il bambino a questa età può integrarsi per ottenere più cose. Tuttavia, dobbiamo  consigliarlo in modo che sia consapevole di ciò che può davvero fare in modo responsabile .

Secondo la filosofia Montessori,  la partecipazione degli adulti è fondamentale nella formazione del bambino. Si tratta quindi di guidarlo in modo rispettoso e affettuoso, offrendogli gli strumenti che lo formeranno come bambino autonomo.

Considerazioni finali per l’educazione dei bambini

Dobbiamo tenere a mente che i bambini sono il nostro futuro. Prendere e mettere in pratica questo modello educativo aiuterebbe quindi alla loro formazione integrale. Dobbiamo anche insistere sulla necessità di  rendere l’ istruzione primaria un diritto accessibile a tutti i bambini.

Il cervello dei bambini ha una capacità meravigliosa e unica. Spesso la paragoniamo ad una spugna, tranne per il fatto che la spugna ha una capacità di assorbimento limitata. Il cervello di un bambino è illimitato.

All’interno di questa filosofia, l’adulto è visto come un osservatore consapevole. Deve tuttavia essere presente nell’apprendimento continuo e nello sviluppo personale del bambino. Il vero educatore è colui che è al servizio dell’allievo Deve quindi coltivare l’umiltà per andare avanti insieme al bambino e imparare da lui.

 

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button